Il denominatore comune del processo di cambiamento è l’utilizzo positivo del potere pervasivo della digitalizzazione e dell’informatica. Il sequenziamento del DNA, nonché i sistemi robotizzati e l’intelligenza artificiale, dipendono dalla capacità di elaborazione e di analisi dei dati. Il processo di cambiamento può essere ricondotto ad un modello di lettura che interessa tre dimensioni della nostra dinamica esistenziale:

  • DIMENSIONE FISICA
  • DIMENSIONE DIGITALE
  • DIMENSIONE BIOLOGIA.

La dimensione fisica

Le quattro applicazioni pratiche di questa dimensione sono:

  • I veicoli autonomi
  • Stampa a 3D
  • Robotica avanzata
  • Nuovi materiali

I veicoli autonomi

Le automobili autonome sono la prima manifestazione di queste nuove applicazioni tecnologiche; accanto possiamo enumerare autocarri, droni, aerei e navi. Le abilità di queste macchine migliorano progressivamente grazie alla sempre più ampia applicazione di sensori e dell’intelligenza artificiale. I droni trovano sempre più ampia applicazione nel campo del controllo di linee elettriche; ne consegue che in agricoltura, con l’analisi dei dati, potremo avere un più economico sfruttamento di acqua e fertilizzanti.

Stampa 3D

“Manifattura additiva” –  Si realizzeranno oggetti di ogni tipo mediante la sovrapposizione dei diversi strati di un disegno. Il processo additivo si contrappone a quello sottrattivo, con il quale invece gli strati vengono rimossi dal materiale grezzo fino ad ottenere la forma desiderata. Essi trovano le loro applicazioni nella costruzione di piccoli impianti medicali, nell’industria automobilistica, aereospaziale, edile e medica. I prodotti possono essere facilmente personalizzati. Grazie alla diminuzione dei vincoli, dei costi e della velocità di esecuzione, gli ambiti stanno diventando sempre più numerosi, tra cui circuiti stampati, cellule e organi.

Robotica avanzata

Essa trova sempre più applicazione nell’industria automobilistica, nell’agricoltura, negli strumenti di precisione e nei servizi ospedalieri. L’introduzione della biologia e in particolare della bioetica (che trae origine dall’imitazione di modelli e processi presenti in natura) influenzando la progettazione in termini funzionali e strutturali, ha arricchito il robot di maggiore adattabilità e flessibilità. L’applicazione dei sensori consente inoltre al robot di comprendere e adattarsi all’ambiente e alla funzione d’uso per cui è costruito.

Nuovi materiali

Materiali più leggeri, più funzionali, più resistenti, più versatili e più riciclabili, grazie alle scoperte in ambito tecnologico, sono sempre più disponibili. L’intelligenza sta entrando nei materiali che si utilizzano, che si puliscono e che si riparano autonomamente; metalli dotati di memoria che ripristinano la loro forma originaria, ceramiche e cristalli che trasformano la pressione in energia.

I materiali rappresentano, nel costo di un prodotto, tra il 40-60 % a parità di funzioni d’uso. L’introduzione delle innovazioni sui materiali contribuirà ad abbassare il prezzo a migliorare i margini di profitto sui ricavi, a dotare il prodotto di maggiori funzioni d’uso avvicinandolo così alle più ampie esigenze del consumatore, a distinguere il prodotto da quello dei concorrenti, ad aumentare per l’azienda la distintività e quindi a migliorarne la capacità competitiva. Un’altra funzione che sta producendo la scienza dei materiali è la riduzione del rischio di smaltimento e degli effetti collaterali sull’organismo umano. La scoperta del PHT (polimeri termoindurenti) è un importante passo avanti verso la crescita del sistema economico ad “economia circolare”, che si fonda sul concetto della rigenerazione; avremo così una crescita economica che non si basa sulle risorse.

La dimensione DIGITALE

L’Internet delle cose (I.d.c.) somma la dimensione fisica con quella digitale. Questa dimensione opera nel rapporto tra cose e i bisogni delle persone attraverso l’utilizzo della connessione d diverse tecnologie e piattaforme. E’ l’epoca dell’introduzione dei sensori (strumenti per la rilevazione e di comando e controllo) in ogni prodotto o processo produttivo, di distribuzione e comunicazione. Gli effetti di questa tecnologia avranno conseguenze in ogni settore: dal manifatturiero, all’infrastrutturale, dal sanitario, ai trasporti, ecc. Monitorare a distanza e nel tempo gli spostamenti di una merce, di una persona o di un processo di attività aziendale e di distribuzione, guidare, correggere e intervenire; tutto ciò costituirà un momento di grossa utilità per ottimizzare le prestazioni dell’oggetto o del soggetto destinatario, modificando il modo in cui gli individui e le istituzioni interagiscono e collaborano.

BLOCKCHAIN (catena di blocchi) sistema di controllo decentralizzato: è un protocollo di sicurezza attraverso il quale un gruppo di computer controlla la transazione prima della notifica e dell’approvazione; ciò crea un contesto di fiducia senza che gli individui si conoscano, evitando il fenomeno del litigio e del contenzioso.

BITCOIN è il sistema che regola con un protocollo di sicurezza informatico: le transazioni finanziarie compiute con monete digitali, con cui ogni oggetto interessato alla transazione può verificare l’esattezza. In futuro questo tipo di tecnologia potrà essere applicata nel momento dell’archiviazione, semplificandone la gestione, accelerandone la funzionalità, riducendo e semplificando le risorse che vengono in tale processo impiegate.

Le piattaforme digitali sviluppano la sharing-economy (economia on demand) economia basata sulla riduzione dei prezzi e dei costi di prodotti e servizi, attraverso il minor spreco di risorse e il loro riutilizzo. Esse, attraverso l’utilizzo dello smartphone, agevolano l’incontro tra prodotti, informazioni e persone, dando vita a nuove modalità di consumi di beni e di servizi, riducendo le barriere tra aziende e individui, con modificazione dei contesti privati e professionali.

Il modello UBER o AIRBNB, modello di business marketplace: è una piattaforma digitale che sta ed andrà a rivoluzionare le attività commerciabili. Un sistema che rivoluzionerà il concetto di possesso o di proprietà e di intermediazione, che conterrebbe l’investimento, si va verso la proprietà comune e l’ottimizzazione dello sfruttamento di ciò di cui si dispone, aumentando la redditività del suo possesso. Essa aumenta la fiducia tra individui, è un guadagno economico per tutte le parti coinvolte e favorisce l’inclusione e la socializzazione.

La dimensione BIOLOGICA

Straordinari sono i mutamenti che stanno trasformando il campo della biologia e in particolare quello della genetica. Il DNA è il sistema informativo, è il programma che regola tutte le esistenze e il loro comportamento nel regno animale e vegetale, in particolare quello dell’uomo. Con la scoperta del ruolo che varie cellule hanno nel comporre il programma informatico che regola, a sua volta, il comportamento dei vari sistemi che compongono la fisiologia umana, si può disporre dello strumento per diagnosticare, prognosticare e modificare la struttura, risolvendo problemi legati al benessere psicofisico dell’individuo.Le malattie, tra cui quelle incurabili che hanno una componente genetica, andranno a scomparire. Le terapie troveranno nelle conoscenze raggiunte un enorme potenziamento verso l’efficacia. L’introduzione dei marcatori genetici (strumenti di misurazione) favorirà il consolidamento e lo sviluppo della medicina di precisione. Il sistema di intelligenza artificiale Watson (IBM) è già in grado, in pochi minuti, di personalizzare i trattamenti per pazienti malati di tumore, analizzando la loro storia medica, incrociandola con esami e dati genetici, confrontandoli con le informazioni disponibili. Ricordiamo: la potenza e l’ampiezza di memoria, la velocità di elaborazione della vastità dei dati disponibili e il fatto che il lavoro cibernetico è continuo. Si potrà, intervenendo su ogni tipo di cellula, modificare la componente biologica permettendo così  la creazione di piante o di animali geneticamente modificati o la modificazione di organismi adulti, tra cui gli esseri umani. Le applicazioni che derivano da questo processo sono infinite. Ad esempio potremo, imitando la genetica degli animali o delle piante, allevarli o farli crescere con sostanze più economiche e maggiormente disponibili, capaci di resistere a differenti temperature climatiche. Il progresso dell’ingegneria genetica (sviluppo del metodo di modifica e cura dei geni: CRISPRcas9): le criticità relative al trasferimento del carattere specifico del patrimonio genetico saranno risolte con una correlata possibilità di modifica del corredo genetico e ciò rivoluzionerà la ricerca e le terapie mediche. I ricercatori hanno già iniziato a riprodurre genomi dei maiali per creare organi compatibili per il trapianto umano (processo chiamato xenotrapianto):

Le tecniche del tridimensionale, combinato con quelle di modifica dei geni, servirà a produrre tessuti organici per riparare o rigenerare quelli esistenti (processo denominato bioprinting, già esistente per rigenerare tessuto vascolare, cutaneo, osseo e cardiaco). Si stanno sperimentando dispositivi interni da impiantare che monitorano i livelli di attività e i valori ematochimici tali da associarli al benessere, alla salute mentale e alla produttività a casa e nel lavoro. Sviluppi enormi si stanno realizzando anche nel campo della conoscenza del funzionamento del cervello. Elevati investimenti vengono riservati alla ricerca nel campo delle neuroscienze e delle neurotecnologie. Le innovazioni genetiche che attengono al genoma umano sono alle porte: avremo la creazione di bambini i cui geni sono stati progettati e che presentano tratti o particolari o immuni da particolari malattie. Una tale evoluzione ci imporrà di affrontare i problemi etici e psicologici che tali cambiamenti produrranno.

Giulio Guidi

Project Leader Digital Management

Organizzazione Strategica Sida Group