L’analisi di Flavio Guidi, fondatore del Gruppo Sida, si fonda sulle quattro “dimensioni” che caratterizzano l’azienda: economica, finanziaria, patrimoniale ed organizzativa.

Dottor Guidi, Lei ha affermato che “attraverso le attività di formazione e di informazione dobbiamo migliorare le capacità di analisi ed azione in campo aziendale”. Posta questa premessa, quali sono i passi da compiere?

“Li indico schematicamente: 1. sviluppare maggiormente la visione del contesto; 2. prendere consapevolezza dei punti di forza e di debolezza del soggetto “azienda” in funzione di esso; 3. rideterminare gli obiettivi strategici; 4. individuare le risorse economiche, organizzative e finanziarie necessarie per perseguire i nuovi obiettivi; 5. revisionare, attraverso iniziative concrete, gli aspetti che risultano non coerenti rispetto al sistema; 6. pianificare e controllare il processo delle attività”.

In che misura è importante l’analisi del contesto?

“Compiuto un opportuno arricchimento informativo e conoscitivo, si deve riflettere attorno ai nuovi e futuri scenari che caratterizzano il contesto all’interno del quale l’azienda opera, al fine di individuare i rischi e le opportunità che esso offre. Il contesto economico, sociale, tecnologico e politico è profondamente mutato: da qui l’importanza di impegnarsi al fine di comprendere bene chi siamo e come si posiziona il nostro sistema aziendale rispetto alla nuova situazione, caratterizzata da profonde novità sia sotto il profilo delle mutate condizioni di mercato, sia per quanto attiene ai fattori produttivi. Dal contesto si individuano le azioni da intraprendere per migliorare il funzionamento della macchina aziendale; in tal modo, alla luce dei cambiamenti intervenuti sarà possibile individuare e “misurare” i rischi e le opportunità che, verosimilmente, attraverseranno l’azienda”.

Soffermiamoci appunto sull’azienda.

“Il soggetto “azienda” è fondamentalmente caratterizzato da quattro distinte dimensioni, seppur fortemente interconnesse, tant’è che tra esse deve costantemente sussistere un preciso equilibrio: economica, finanziaria, patrimoniale ed organizzativa”.

Iniziamo con la dimensione patrimoniale.

“Essa ci dice se le risorse che abbiamo impiegato, o stiamo o andremo ad impiegare, sono sufficientemente correlate al momento economico finanziario che sta vivendo l’azienda”.

Quella economica?

“Ristrutturare significa verificare se le “Produce risorse reali e finanziarie tali suddette quattro dimensioni dell’azienda da generare una crescita del patrimonio siano in equilibrio”. e del valore aziendale, oppure al fine di salvaguardarne la sopravvivenza. Attenzione, però: l’attività economica, peraltro, è anche in grado di distruggerlo, il patrimonio aziendale”.

Infine, le dimensioni finanziaria ed organizzativa.

“La struttura delle fonti finanziarie è adeguata per sostenere l’attività aziendale in termini di funzionamento e di sviluppo, cioè di investimenti. La diagnosi organizzativa mira invece a monitorare e verificare l’adeguatezza delle risorse e strutture organizzative rispetto ai nuovi obiettivi, ed è finalizzata all’individuazione delle azioni da intraprendere. In conclusione: la pianificazione strategica ed operativa nonché il controllo economico, finanziario ed organizzativo costituiscono elementi fondamentali”.

Qual è il rapporto tra queste quattro dimensioni e il tema della ristrutturazione aziendale?

“Ristrutturare significa verificare se le suddette quattro dimensioni dell’azienda siano in equilibrio”.

 

Intervento del Dott. Flavio Guidi – Fondatore del Gruppo Sida